sabato 30 luglio 2016

Chie sò deo

de 
Frantziscu Sotgiu Melis Pes



















Sutzedet medas bortas onzi annu
in tantos mi dimandant chie ses tue,
como ite faghes e andas a inue,
a tottus lis rispondo chena ingannu:

seo isula'e granitu in mesu 'e mare,
seo un'adde frorida sutt' 'e monte,
seo una frisca illusione in s'orizonte,
una nave chi no ischit navigare.

Una rùndine chi olat' a su niu
una vela brusiende in sa tempesta
unu crabolu allegru in sa foresta
seo unu pische chi nadat in su riu.

Seo luna prena in d'una notte iscura
chi colorat sas abbas de arghentu
un'isteddu lughente in firmamentu
seo su bellu e su lezu 'e sa natura.

Seo unu frùmene 'e abba in piena
un'olu 'e mariposa in su froridu
un'oe chi reposat in pàsidu
un'istranzu in d'una idda anzena

Seo unu buscu ‘e arbures de mela
una espa malinna chi ti punghet
seo una temporada chi t’infundet
unu jogu ‘e pitzinnos in carrela

Seo una rocca vulcanica, unu riu
una funtana 'e abba cristallina
seo su sorrisu de una signorina
seo unu fizu, un'amigu, unu bandìu.
  
Seo unu libru sarbau dae su fogu
unu sordau ch'est partidu in gherra
unu martzianu crèschidu in sa terra
una lughe ch'iscurigat su logu.

Seo mammai tua ‘etza in su foghile
nebode setziu in su bancu 'e iscola
seo in beranu una pibiola
una cheriasa in su mes’ ‘e arbile

Seo unu frore chi frorit in s'ierru
cando s'àstragu zelat sos campos
seo su c'attit sos tronos e sos lampos
seo sa vida chi paret un'inferru

unu pintore chena pius colores
una meriada in d’unu zassu umbrosu
unu nuraghe sardu maestosu
seo su nuscu de chentu miza frores.

Seo chie azuat sa zente in su caminu
una niada in su mese 'e austu
seo chie ti faghet morrer’ de assustu
seo de s'òmine vida e destinu.

E a tie chi mi dimandas chi deo sia,
da inue 'enis e a inue andas,
deo sò che a tie chi mi lu dimandas
semper su chi tue cheres chi sia.


--:--:--:--:--:--


Traduzione: 

Chi sono io 


Succede molte volte tutti gli anni
in molti mi domandano chi sei tu,
cosa fai adesso e dove vai,
io gli rispondo questo, senza inganno:

sono isola di granito in mezzo al mare,
sono una valle fiorita sotto il monte,
sono un fresco miraggio all’orizzonte
una nave che non sa navigare.

Una rondine che vola al nido
una vela che brucia nella tempesta
un capriolo allegro nella foresta
sono un pesce che nuota nel ruscello.

Sono luna piena in una notte oscura
che colora gli specchi d’acqua d’argento
una stella lucente nel firmamento
sono il bello e il brutto della natura.

Sono un fiume d’acqua in piena
un volo di farfalla in mezzo ai fiori
un bue che riposa in tranquillità
un’estraneo in un paese straniero

Sono una roccia vulcanica un ruscello
una fontana d’acqua cristallina
sono il sorriso di una signorina
sono un figlio, un’amico, un bandito.

Sono un libro salvato dal fuoco
un soldato partito a far la guerra
un marziano cresciuto sulla terra
una luce che scurisce il luogo.

Sono tua nonna vecchia al caminetto
nipote seduto nel banco di scuola
sono in primavera una coccinella
una ciliegia nel mese d’aprile

Sono un fiore che fiorisce d’inverno
quando la brina gela quei campi
sono chi porta tuoni e fulmini
sono la vita che sembra un’inferno.

Sono chi aiuta la gente nel cammino
una bufera nel mese d’agosto
sono chi ti fa morire di spavento
sono dell’uomo vita e destino.

E a te che mi domandi chi io sia
da dove vieni e dove vai,
io sono come te che me lo chiedi
sempre quello che tu vuoi che sia.