venerdì 4 dicembre 2015

Emilio Lussu in sa trintzea de su Zebio

Frantziscu Sotgiu Melis Pes





Centoventicinque anni fa, il 4 Dicembre 1890 nasceva ad Armungia nel Gerrei: Emilio Lussu, ufficiale dell'esercito durante la grande guerra, padre e fondatore del sardismo, azionista antifascista, parlamentare e ministro.
Questa è dedicata a lui e ai figli di Sardegna sacrificati al dio della guerra nelle trincee alpine in nome di una patria che non era la loro.





Emilio Lussu in sa trintzea de su Zebio

di Frantziscu Sotgiu Melis Pes

Croccau ‘entre a terra in sa trintzea 'e Monte Zebio,
isetande sa fine ‘e su bombare
di passiana supra conca sos obices de s'artillieria.
Croccaos cun issu, sos òmines de Sardigna,
partios dae sas Barbàgias e dae sos Campidanos
po serbire una pàtria chi no fut issoro.
In denantis,
colàda sa trintzea,
unu campu minau
in dun' isterridura de palos de ferru e de filu ispinau,
mes'ammuntaos de su nie.
Agangadas in su filu ispinau,
imbaradas a sos palos una supra s'attera,
sas carenas de sos fizos de Sardigna istampadas dae sas ballas,
crepadas dae sas bombas e dae sas minas.
In cussu frittu ierru de su millenoighentos 'e seighi,
su sàmbene issoro
ammeschiau a su nie chi si s’est colorau de ruju.
Zovanes mortos
cun sa cara bianca,
prus bianca de su nie chi dos ammuntada.
Su tenente Lussu,
est croccau ’entre a terra in sa trintzea.
Supra 'e conca, s'iscuru de sa notte
est iscrariu de sos bengalas coloraos.
Croccau ‘entre a terra,
pentzaiat fortzis a sa serenidade
de cando andaiat a catza russa cun su babbu
e cun sos cumpanzos suos de Armùngia.
O fortzis,
pentzaiat
a sos òmines cun su fetz
chi bidiat dae attesu
cando abbaidaiat dae sa feritoja
in sa trintzea de su Zebio.
A cussos Feldjager,
sos catzadores arribados de sa Bosnia Erzegovina
chi cumbattiana contra a sos sordaos sardos,
in nùmene de Allah
e de Carlo Primu de Austria chi de pagos meses fut s'imperadore,
appustis de sa morte de Frantziscu Zuseppe.
O a cussos ufitziales viennesos
chi muttiant sos òmines suos
"der rote Teufel" (sos diàulos rujos)
e dos timiant che sas freas
cando faghiant sos assaltos cun sa leppedda pattadesa
e no cun sos muschetes de s'esèrtzitu italianu de Cadorna.
Ancora no ischiat su tenente Lussu
chi in cussu cucutzu 'e pedras chi teniat a nùmene Monte Zebio,
a sa fine 'e sos contos,
s'ìsula 'e Sardigna
debbiat contare:
590 fizos suos mortos,
132 isperdios
e 2.132 ferios.
Ma fortzis ischiat
chi tottus cussos zovanes,
funi mortos,
ferios e mutilaos po nudda.

A sa fine 'e su bombare de s'artillieria,
si c'hest pesau su tenente Lussu,
e cun d'unu simpritze gestu de sa manu
c'at fattu pesare sos òmines suos.
E cun issos
est passau in mesu a sos palos,
in mesu a su nie,
in mesu a sas minas e a sas cheas iscorrovadas dae sas bombas;
in mesu a sos mortos e a su filu ispinau,
accumpanzandeddos cara a sa morte
in cussa chi fut un'attera istupida
e sambenosa batalla
inue su corazu e s'ardimentu
ch'eniana fuliaos
in nùmene de cracchi generale
chi detzidiat de sas vidas issoro
movinde sas truppas in d'una mappa,
sètziu in poltrona,
in cracchi ufìtziu de cumandu,
buffandesi una tassa ‘e 'inu onu.

***

Emilio Lussu nella trincea dello Zebio

Sdraiato ventre a terra nella trincea di Monte Zebio,
aspettando la fine dei bombardamenti
gli passavano sopra la testa gli obici dell'artiglieria.
Sdraiati con lui, gli uomini di Sardegna,
partiti dalle Barbagie e dai Campidani
per servire una patria che non era loro
Davanti,
passata la trincea,
un campo minato
in una distesa di pali di ferro e di filo spinato,
mezzo sepolti dalla neve.
Impigliati nel filo spinato,
appoggiati ai pali uno sull'altro,
i corpi dei figli di Sardegna bucati dalle pallottole,
massacrati dalle bombe e dalle mine.
In quel freddo inverno del millenovecentosedici,
il loro sangue
è mischiato alla neve che si è colorata di rosso.
Giovani morti
con la faccia bianca,
più bianca della neve che li ricopre.
Il tenente Lussu,
è sdraiato ventre a terra nella trincea.
Sulla sua testa, l'oscurità della notte
è schiarita dai bengala colorati.
Sdraiato ventre a terra,
pensava forse alla serenità
di quando andava a caccia grossa col padre
o coi suoi compagni di Armungia
O forse,
pensava
agli uomini col fez
che vedeva da lontano
quando guardava dalla feritoia
nella trincea del Zebio.
A quei Feldjager,
i cacciatori arrivati dalla Bosnia Erzegovina
che combattevano contro i soldati sardi, in nome di Allah
e di Carlo Primo d' Austria che da pochi mesi era diventato imperatore dopo la morte di Francesco Giuseppe.
O a quelli ufficiali viennesi
che chiamavano i suoi uomini
"der rote Teufel" (i diavoli rossi)
e e ne avevano una paura matta
quando facevano gli assalti col coltello pattadese
e non coi moschetti dell'esercito italiano di Cadorna.
Ancora non sapeva il tenente Lussu
che in quel cumulo di pietre che aveva a nome Monte Zebio,
alla fine dei conti,
l'isola di Sardegna
doveva contare:
590 figli suoi morti,
132 dispersi
e 2.132 feriti.
Ma forse sapeva
che tutti quei giovani,
erano morti,
feriti e mutilati invano.
Alla fine dei bombardamenti dell'artiglieria,
s'è alzato in piedi il tenente Lussu.
e con un semplice gesto della mano
ha fatto alzare i suoi uomini.
E con loro
è passato in mezzo ai pali,
in mezzo alla neve,
in mezzo alle mine e alle buche scavate dalle bombe;
in mezzo ai morti e al filo spinato,
accompagnandoli verso la morte
in quella che era un'altra stupida
e sanguinosa battaglia
dove il coraggio e l'ardimento
venivano buttati
in nome di qualche generale
che decideva delle loro vite
muovendo le truppe in una mappa,
seduto in poltrona,
in qualche ufficio di comando,
bevendosi un bicchiere di vino buono.




mercoledì 2 dicembre 2015

Funghi di Novembre






 1.     Cortinarius elatior




2.     Amanita franchetii



3.     Cuphopyllus pratensis




4.     Cortinarius herculeus




5.     Fistulina hepatica




6.     Clitocybe font-queri



7.     Lactarius zonarius



8.     Hygrocybe virginea



9.     Leucoagaricus littoralis



10.     Cortinarius trivialis




11.     Clitocybe nebularis




12.     Hygrocybe punicea




13.     Entoloma bloxami




14.     Tricholoma album




15.     Lactarius mairei




16.     Volvariella murinella




17.     Clavulinopsis corniculata




18.     Phallus impudicus var. pseudoduplicatus




19.     Calocera cornea




20.     Panaeolus rickenii




21.     Hygrocybe coccinea




22.     Hygrocybe mucronella



23.     Cortinarius caligatus

martedì 1 dicembre 2015

Epoca - Luis Rogelio Nogueras (trad. Frantziscu Sotgiu Melis Pes)


























Sordau martzia tranquillu a sa batalla,
sa sambentosa batalla, sa ranchida batalla
dae inue no totus torrana
Bertolt Brecht

azuae custa pobera tzega

narat su cantu e paperi mantzau chi est appiccau 
a su tzugu frazile de cussa ‘etza.
Sa cara martoriada arreat frimma,
sos ogos chena vida lagrimana,
sas manos, tott’ossos paren de linna
suba ‘e sa este loroddosa.
E zeo pentzo chi devet tenner fritu suta cussos istratzos,
chi sa preca de sa ucca sua chena ‘entes’
fortzis no at mai assazau atera cosa si no pane nieddu e tostu.
E appustis su piticu burghesu
mi che brincat dae petorras sonande unu pagu ‘e soddos;
su coro modde de chera comintzat a s’iscazare de piedade.
Ma s’ateru chi tenzo aintro si rebellada,
iscutulat su tontu burghesu po su collete,
di che faet bolare cun d’una manada sos soddos,
e d’abboghinat in cara
chi solu sa revolutzione
d’ad a podet fagher zustitzia
a cussa ‘etza.

Aeroportu de Lisbona, cabudanni  1978