mercoledì 23 marzo 2016

Crobu marinu

Frantziscu Sotgiu Melis Pes






Crobu marinu, astore vagabundu
bolende subra montes e tzitades,
subra padros, padentes e nuraghes,
de artu tue dòminas custu mundu.

Colas in artu mare, ali biancu;
su friscu ‘entu t'accumpanzat s' 'olu
a caddu de sas undas andas solu,
chen' ateros puzones a fiancu.

A dies ròdeas su muntonarzu,
mòrigas s'arga, buscas alimentu;
àteras sighis s'àndala  ‘e su entu,
chena timet s'àstragu de 'ennarzu.

A dies firmas sas alas in campu,
cando s'arbada sestat su caminu
buscas bobbois, bicas su terrinu.
No times ne su tronu ne su lampu.

Cheria esser ae che a tie,
'olande sa vida in libertade,
chelos lìmpios in s'infinidade
semper crobu biancu notte e die.

Cheria esser' òmine cun alas
postas in sos costazos firmas, beras
no che cussas de Icaru de chera
chi si ch'iscazat in sas dies malas.

Silentziosu olaìo e dae susu
bidìo ite si movet in sa terra:
s'umanu cumbatende carchi gherra
longa meda, de no nde podet prusu.

Po semper 'olaio a fiancu tu
cun sas pinnias chi carignant s'unda
paris, inue b'at mare faimos runda
a mente ben'aperta,  a coro nu.

A ùrtimu pranamus in su mundu
cun sas francas pulias, lèbias alas,
chena timore si sas dies sunt malas,
crobu marinu, astore vagabundu.






Traduzione Italiano


Gabbiano
(Frantziscu Sotgiu Melis Pes)

Gabbiano, vagabondo
volando sopra i monti e le città,
sui prati, i boschi e i nuraghi,
dall’alto tu domini questo mondo.

Passi in alto mare, ali bianche;
il vento fresco t’accompagna il volo
a cavallo delle onde vai da solo,
senza altri uccelli al tuo fianco.

Ci sono giorni che giri intorno alla discarica,
smuovi i rifiuti, cerchi alimento;
altre volte segui la via del vento,
senza aver paura del gelo di gennaio.

Ci sono giorni che fermi le tue ali nel campo,
quando il vomere traccia il cammino
cerchi le larve, becchi il terreno.
Non hai paura del tuono ne del lampo. 

Vorrei essere uccello come te,
volando la vita in libertà,
cieli limpidi nell’infinità
sempre gabbiano bianco notte e giorno.

Vorrei essere uomo con le ali
messe nei fianchi ferme, vere
non come quelle di Icaro di cera
che si squaglia nei cattivi giorni.

Volerei silenzioso e dall’alto
vedrei cosa succede sulla terra:
l’umano combattendo qualche guerra
molto lunga, da non poterne più.

Per sempre volerei al tuo fianco
con le penne che accarezzano l’onda
insieme, dove c’è il mare facciamo ronda
con la mente ben aperta, col cuore nudo.

In ultimo planiamo sopra il mondo
con le zampe pulite, le ali leggere,
senza timore dei cattivi giorni,
gabbiano, vagabondo.





mercoledì 16 marzo 2016

Lèbia e lìera poesia

De Frantziscu Sotgiu Melis Pes







Ti cheres lèbia, poesia
fintzas cun metrica e rimas;
sa libertade tue istimas
e in sa memòria ses bia.
Fintzas cando ti cheria
ligare cun cadenas,
idìo chi sufrias penas
e t’òliat meda su coro.
Sa libertade est tesoro,
sas funes ti sunt anzenas.

Seo jeo su chi as presu
e tue ses sa chi cumandat
tue ischis a inue andat
onzi versu, accanta o atesu
e dae meda appo cumpresu:
ses sa mere manna mia,
sa sola chi connoschia.

Tue chirras su momentu,
tue detzidis s’argumentu,
tue mi guidas in sa via.
Semper m'as azzuare
e mai m'as abbandonare
lèbia e lìera poesia.





Ti vuoi libera, poesia/anche con metrica e rime;/tu stimi la libertà /e sei viva nella memoria./Anche quando ti volevo/legare con le catene,/vedevo che soffrivi pene/e molto ti faceva male il cuore./La libertà è tesoro,/le funi ti sono aliene.//Io sono chi hai legato/e tu sei  chi comanda/tu sai dove va/ogni verso, vicino o lontano/e da molto ho capito:/tu sei la mia padrona,/la sola che conoscevo.//Tu scegli il momento,/tu decidi l’argomento,/tu mi guidi nella strada./M’aiuterai sempre/e non mi abbandonerai mai/leggera e libera poesia.