giovedì 28 maggio 2015

A inue 'olan sos puzones (Dove vanno in volo gli uccelli)





Volevo scrivere una poesia su uno dei più gravi drammi di questi anni, sulla fuga di milioni di uomini e donne africani che tentano di scappare dalla fame e dalla miseria e a volte da una morte certa per le guerre o gli integralismi etnici e religiosi. 

Mi è sembrato normale e naturale usare come simbolo metaforico gli uccelli e immaginare l'Africa come un enorme albero pieno di nidi dove nascono, vivono, muoiono e scappano uccelli di vari generi e specie, così come in Africa convivono uomini del genere umano di infinite etnie e religioni. 

Mi è sembrato normale e naturale immaginare questi uomini, donne e bambini africani che attraversano foreste, savane e deserti per arrivare davanti alla sponda sud del Mar Mediterraneo disposti a rischiare la vita per attraversarlo e sognare di trovare nella sponda nord pane e serenità dopo la fame e la paura. 


Purtroppo non sempre è così, troppe cornacchie umane scorrazzano in quella sponda (nella vecchia opulenta Europa) e se possono li scacciano via senza alcuna pietà.











A inue 'olan sos puzones
     (Frantziscu Sotgiu Melis Pes)



In cussu mannu e biu arbure chi mutimos Africa biven 1 miliardu e 100 miliones de “puzones”. Medas de issos chircan de si c’olare atesu dae sas gherras, ateros dae su famene e ateros galu dae una vida de miseria e de sufferenzia. Custa poesia est po issos. Contr’a cale si siat fromma de ratzismu.



In d’un' arbure artu e coloriu
b’at medas nios, di biven’ sos puzones
e naschen’ sos bentreddos in beranu.
Chircan’ recattu ziran sos cuzones
comintzan' a s’arbòre su manzanu
e a s’iscurigada no an’ finiu.

Un’istullu una die si ch’est fuiu
illùdiu si ch’est artziau a chelu
subra nues brincandeche su mare.
Ma prus pigaiad’ a susu prus d’iat gelu
c'at perdidu s’andèra po torrare
e dae tando nessunu d’at pius biu.

B’at puzones chi 'olan cara a bentu
chircande àteros mundos' e nios,
naes, po torrare a comintzare.
Si arribana, sun' prus mortos che bios,
medas ch'enin ingurtos de su mare
o ruene a terra cun d'unu lamentu.

Mérulas ch'atraessan’ sa nue morta
istrampan’ in sos pàsculos amenos
pentzan’ inie de si podet frimmare.
Ma sas corrogas no cheren’ anzenos,
a bolu bassu das faent bolare
isuliandecheddas onzi 'orta.




___________________________________________________________

Dove vanno in volo gli uccelli

In quel grande e vivo albero che chiamiamo Africa vivono 1 miliardo e 100 milioni di “uccelli”. Molti di loro cercano di volare via dalle guerre, altri dalla fame e altri ancora da una vita di miseria e di sofferenze. Questa poesia è per loro. Contro qualsiasi forma di razzismo.

In un albero alto e colorito/ci sono molti nidi, ci vivono gli uccelli/e nascono i pulcini in primavera./Cercano cibo, girano tutti gli angoli/iniziano la mattina all’alba /e al tramonto ancora non hanno smesso.//Uno storno un giorno è scappato/ illuso è salito nel cielo/su nuvole per saltare il mare./Ma più saliva in alto più c’era gelo/non ha trovato il sentiero del ritorno/e da allora nessuno l’ha più visto//Ci sono uccelli che volano faccia al vento/cercando altri mondi ed altri nidi/rami per ricominciare./Se arrivano, sono più morti che vivi/molti vengono inghiottiti dal mare/o cadono per terra con un lamento.//Merli attraversano la nuvola morta/e piombano a terra nei pascoli ameni/pensano che lì si possono fermare./Ma le cornacchie non vogliono estrani/a volo basso li fanno volare/scacciandoli via tutte le  volte.



1 commento:

  1. Franco, bellissima, quanta tragica realtà,

    RispondiElimina