lunedì 11 gennaio 2016

Ammiro sa natura tottu canta










Ammiro sa natura tottu canta
     
       (Frantziscu  Sotgiu Melis Pes)



Sa natura ammiras e carignas                  
cun peraulas de valore dignas                    
Tonino Sanna                    

Ammiro sa natura tottu canta
in donzi tempus in ierru e istiu.
M’aggradat su murrunzu de su riu,
s’umbra, s’ùmida frunza de sa pranta,
s’abba chi proet, sia paga o tanta,
de sos puzones s'olu e su pìuliu.
Rispetto logos, mattas e animales
dos carigno e dos tratto che frades.

No timo fùriosa s'unda ‘e mare
cando colat' possente su tzicrone.
M’incanto si a bortas un’airone
si frimmat o si pesad' a bolare;
cando su sero a s’iscurigare
su chelu si colorat arantzone.
Semper a abbaidare mi nche frimo
est natura est cosa chi istimo.

Osservo cando tronat in beranu
e su chelu si lughet de su lampu
cando sas erbas birdes de su campu
das croccat su lentore su  manzanu.
Si in s'ispiga madurat su ranu
sa frache da messat chena iscampu.
In natura siat modde o tostu
onzi essere tenet unu postu.

So curiosu si unu conchemazu
apustis tempus si mudat in rana;
s'istrissino in sa 'omo ‘e Jana,
si nusco forte su fragu 'e s’azu.
Si bio su cane chi chena corazu
timet sa fera ch'essit de sa tana.
M'aggradan' bobbois e cugumeddos
cun su matzone iscàmbio faeddos.

Amo s'essere si est naturale,
m'istregan sos pianetas e sa luna,
astros e soles; si tenzo fortuna
nottes cun s'aurora boreale.
M’amparo si surbiat maestrale
de niadas no mi nde perdo una.
Cherìo esser' mere ‘e s’iscrittura,
iscriet: cantu ses bella natura.





Ammiro sa natura tottu canta - Traduzione in Italiano

Ammiro la natura tutta/in ogni tempo in inverno e in estate./Mi piace il mormorio del ruscello,/ l’ombra, l’umida fronda dell’albero, l’acqua quando piove, sia poca o molta,/il volo e il pigolio degli uccelli./ Rispetto i luoghi, le piante e gli animali/li accarezzo e li tratto come fratelli.
Non ho paura della furia dell’onda del mare/quando arriva possente il ciclone./Mi incanto se qualche volta un’airone/si ferma o si alza in volo;/quando la sera al tramonto/il cielo si colora d’arancione./Sempre mi fermo a guardare/è natura è cosa che stimo.
Osservo quando tuona in primavera/e il cielo s’incendia dal lampo/quando le erbe verdi del campo/le piega la brina mattutina./Se nella spiga matura il grano/la falce le miete senza scampo./In natura sia molle o duro/ogni essere ha un suo posto.
Sono curioso se un girino/dopo un po di tempo muta in rana;/se striscio dentro una Domus de Jana,/se sento forte l’odore dell’aglio./Se vedo un cane che senza coraggio/ha paura di una fiera che esce dalla tana./Mi piacciono gli insetti e i funghi/con la volpe scambio chiacchere.
Amo l’essere se è naturale,/mi stregano i pianeti e la luna,/astri e soli; se ho  fortuna/ notti con l’aurora boreale./Mi riparo se fischia il maestrale/delle nevicate non ne perdo una./Vorrei essere il padrone della scrittura,/per scrivere: quanto sei bella natura.

- - - - - 




1 commento:

  1. Bella poesia e belle foto. Ma qua to è bella la nostra Sardegna!

    RispondiElimina