lunedì 19 novembre 2012

Orchidee spontanee della Sardegna - le specie a rischio (2)













Seconda puntata sulle Orchidee Sarde a rischio di sparizione o anche purtroppo di estinzione totale. So, perché molti amici mi hanno contattato al telefono o su FB, che lo scritto precedente è piaciuto, che molte delle informazioni presenti erano poco conosciute, che tantissimi, anche tra i naturalisti o anche tra i semplici appassionati hanno poche informazioni su quasi tutto ciò che riguarda le orchidee. So anche che la maggior parte degli uomini e delle donne che vivono sulla nostra isola ne ignorano perfino l'esistenza. Tutto ciò rende arduo, per non dire quasi impossibile il compito che ci siamo dati, quello cioè di costringere la classe politica isolana, in particolare il Consiglio Regionale ad approvare anche sul tema Orchidee una legge che preveda la loro tutela e salvaguardia. Per questo chiedo gli amici che leggono questo blog, di non limitarsi ad approvare ciò che scrivo o al più a condividere il link al blog su Facebook, ma a farsi parte attiva, dando informazioni, intervenendo anche in questo spazio che da quando esiste è a disposizioni di tutti/e singoli o associazioni che condividono gli stessi obiettivi.

Anche queste specie sono a forte rischio:


Serapias nurrica  Corrias
Serapias nurrica, Corrias gli diede l’epiteto nurrica perché i suoi primi esemplari li trovò nella Nurra (Sardegna nord-occidentale). Con gli anni la sua presenza è segnalata a macchia di leopardo anche in altre parti della Sardegna. E’ anch'essa una specie abbastanza a rischio: le famiglie che nascono nei bordi delle strade vengono distrutte dai diserbanti usati nelle cunette, altri gruppi nati negli eucalipteti vengono distrutti  o dagli incendi o quando si effettuano i tagli o l’estirpazione degli alberi.
   


Epipactis exilis P. Delforge


Epipactis exilis, in Sardegna è presente in alcune leccete montane delle tre provincie centrali (Oristano,  Nuoro, Ogliastra). La mia esperienza, che deriva dall’osservazione di un gruppo presente a Monte Arci dice che è una specie che non riesce a creare famiglie molto folte e che i cinghiali sono i suoi peggiori nemici.



Cephalanthera rubra (L) L.C.M. Richard
Cephalanthera rubra, nella nostra isola nascono tre specie del Genere Cephalanthera  (C. longifolia, C. damasonium e C. rubra) delle tre, rubra e di gran lunga la più rara. Anche in questo caso la mia osservazione si limita alle piantine (pochissime) presenti a Monte Arci, devo dire che anche in questo caso i rischi di sparizione provengono dai “naturalisti”. Quasi tutte le volte che in periodo di fioritura arrivano persone per vederle o fotografarle, ne sparisce qualcuna. 




Ophrys chestermanii J.J. Wood Gölz & H.R. Reinhard

Ophrys chestermanii, endemismo esclusivo della Sardegna, è presente con popolazioni numericamente rilevanti nell’iglesiente e in modo molto più sporadico nelle altre provincie meridionali dell’isola. Fino a qualche anno fa per questa specie,  si poteva prevedere  un futuro relativamente tranquillo, invece questi ultimi anni si deve registrare una progressiva sparizione di intere colonie di chestermanii. E’ risaputo l’interesse di “studiosi” stranieri, in particolare olandesi che più che album di disegno e macchina fotografica usano la zappa.




Ophrys normanii J.J. Wood (pro hybr.)
Ophrys normanii, specie ancora più rara della precedente della quale era prima considerata un discendente  ibrido (l’altro genitore si presumeva fosse O. tenthredinifera), vive anche negli stessi habitat di chestermanii  ma solo nell’iglesiente ed in poche altre stazioni della provincia di Cagliari. Essendo più rara ma sottoposta alle stesse attenzioni della specie precedente, i rischi di scomparsa per O. normanii aumentano.

2 commenti:

  1. Lodevole iniziativa, Franco!
    Spero che tu riesca ad ottenere dall'Ente regione questo importante intervento di salvaguardia della Flora Sarda, anche se mi sembra che ancora non abbiano provveduto a deliberare nemmeno l'elenco delle specie botaniche protette..... ):

    RispondiElimina
  2. Più d'una volta ho avuto modo di scontrarmi con studiosi armati di zappa... finirà che dovrò prenderne qualcuno a pedate nel sedere.
    Bravo Franco, ottimo lavoro.

    RispondiElimina