mercoledì 9 settembre 2015

Atonzu (Autunno)

Frantziscu Sotgiu Melis Pes






Rùen dae s'arbure sas fozas
e su ‘entu das bolada atesu.
Solu po pagos momentos parene mariposas
chi calan’ a terra istontonadas.
Prènen de colores de siccu
sos buscos chi prima fun’ birdes
e ti faen bénner’ sa tzudda,
e unu sentidu de anneu.
Bies muntones de fozas grogas
suta sos arbures nuos,
unu sùlidu das mòvede
e pàren undas
de unu mare cumandau dae su ‘entu.

Su cunillu si cuada in sa tana
e in foras faghinde sa posta,
b'est su matzone 'e malas trassas chi isetada.
Sos pitzigrogos rassittos
istuvant tenaghes de antunna
e sa piga brinchitad’ dae un'arbure a s'ateru
chircande bobois.

Custu est s'atonzu.

B'at dies chi sos lampos dae chelu
che chèren’ ispèrder’ su mundu
e b'at dies chi s'aperin’ sas nues,
e mojos de abba nos pròen’ in conca
e inundan’ pasturas e istradas.
B'at dies chi su sole si cuat
e no cheret bessire a iscardire sa terra
e b'at dies chi su sole caente
nos faghet torrare a su mare.




Autunno


Cadono dall’albero le foglie/e il vento le fa volare lontano./Solo per pochi momenti sembrano farfalle/che scendono a terra stordite./Riempiono di colori di secco/i boschi che prima erano verdi/e ti fanno venire i brividi/e un sentimento di malinconia./Vedi  una marea di foglie ocra/sotto gli alberi nudi./Un soffio le muove/e sembrano onde/di un mare comandato dal vento.//Il coniglio si nasconde nella tana/e fuori a fargli la posta/c’è la volpe astuta che aspetta./Le lumache grassotte/scavano i gambi dei funghi/e la ghiandaia saltella da un albero all’altro/cercando insetti.//Questo è l’autunno.//Ci sono giorni in cui i fulmini del cielo vogliono distruggere il mondo/e ci sono giorni in cui le nuvole si aprono/e moggi d’acqua ci piovono in testa/e allagano pasture e strade./Ci sono giorni in cui il sole si nasconde/e non vuole uscire per scaldare la terra/e ci sono giorni in cui il sole rovente/ci fa ritornare al mare.




Nessun commento:

Posta un commento